RAGIONE SOCIALE
PROVINCIA
PRODOTTI
voi siete qui: Home » Elenco News » PROTEGGERE DAI RUMORI L'ARCHITETTURA STORICA ITALIANA
NOTIZIA DEL 12/02/2018
PROTEGGERE DAI RUMORI L'ARCHITETTURA STORICA ITALIANA

Temperatura, umidità e rumori danneggiano il nostro patrimonio architettonico e artistico. Intervenire si può, come la case history di Venezia, con i prodotti hi-tech di Isolmant.

«Il problema della conservazione delle opere d’arte è oggi fortemente sentito, per l’accresciuta sensibilità alle manifestazioni artistiche e alla irrepetibile peculiarità delle opere pervenuteci dal passato. Tuttavia pochissima cultura è cresciuta intorno all’idoneità dell’ambiente che contiene, conserva ed espone quelle opere. Il microclima negli ambienti museali, la sua misura, il suo controllo, la sua gestione: questo è il grande assente nella formazione di chi conserva, trasporta ed espone quelle opere», si legge nel libro di Adriana Bernardi Conservare opere d’arte. Il microclima negli ambienti museali.

Umidità, temperatura, ma anche le vibrazioni causate dai rumori di varia natura a lungo andare danneggiano architetture storiche e patrimoni artistici. Ecco perché, quindi, è fondamentale proteggerle

anche in termini di assorbimento acustico con prodotti studiati ad hoc altamente tecnologici e fonoassorbenti. È il caso dei prodotti Tecnasfalti Isolmant, che da oltre 40 anni studia e produce una serie di gamme di materiali per l’isolamento acustico, pensate per ogni necessità: rumore da impatto, rumore aereo, rumore esterno, riverberazione, rumore degli impianti, a cui – se non bastasse – si affianca anche una linea di prodotti speciali totalmente tailor-made.

Non è un caso, quindi, che anche Venezia abbia scelto Isomant per la ristrutturazione di uno dei suoi palazzi simbolo: Fontego dei Tedeschi (o Fondaco dei Tedeschi, in italiano). Il palazzo, che risale al XIII secolo e contenente ancora oggi affreschi di Tiziano e di Giorgione, è stato a lungo di proprietà delle Poste Italiane, che nel 2008 l’ha ceduto al gruppo Benetton per un importo di 53 milioni di euro, ed è stato sottoposto a un intervento di recupero statico e funzionale, sotto la direzione artistica dell'architetto olandese Rem Koolhaas, per la sua riconversione in centro commerciale dotato anche di un polo culturale, che è stato aperto al pubblico il primo ottobre 2016.

È qui che il silenzio e l’eliminazione dei ponti termici e acustici a proteggere struttura e opere, oltre che a garantire il comfort di chi vi lavora e vi fa shopping, sono stati garantiti dalla tecnologia Tecnasfalti Isolmant. In questo prestigioso cantiere, infatti, lo studio di progettazione e l’impresa hanno scelto di affidarsi alla tecnologia Isolmant per isolare a regola d’arte i solai interpiano – showroom al pianterreno e uffici al primo piano – nelle zone dove è stato previsto il sistema di riscaldamento radiante a pavimento.

Nello specifico, sono stati applicati Isolmant Radiante e Isolmant Fascia Perimetrale Tecnica Radiante, applicata in aderenza a tutte le murature, i pilastri, le soglie, sull’intera superficie del solaio, senza soluzioni di continuità, anche in angoli e spigoli, per evitare la formazione di ponti termici e acustici.

Una scelta particolarmente raccomandata dalla progettazione per le specifiche proprietà e performance garantite. «Le operazioni di posa - sottolinea Daniele Penzo dell’impresa Sacaim S.p.A., specializzata in restauri conservativi - si sono rivelate rapide e semplici, grazie anche al supporto dell’Ufficio Tecnico Isolmant».

<< TORNA INDIETRO
CONPAVIPER
Sede Operativa: via Giovanni Amendola, 46
- 00185 Roma
- Tel: 0662 270411 - Fax: 065915408
- C.F. 03879530966
- segreteria@conpaviper.org

Conpaviper aderisce a Federbeton Confindustria

Credit_ Realizzazione Siti Internet