Siamo già al lavoro per la Rev. 5 del Codice di Buona Pratica Massetti Conpaviper

Nonostante la recente pubblicazione della Rev. 04, Conpaviper sta già lavorando alla Rev. 05. "Vicepresidente, quali saranno le novità?"
 

Cerca il socio specializzato nella tua zona

Immagine

Quali saranno le principali novità della Rev. 5 del Codice?

Vicepresidente, da poco è stata pubblicata la Rev 4 del Codice di Buona Pratica ma sappiamo che CONPAVIPER sta lavorando ad una Rev 5. Che cosa possiamo aspettarci da questa prossima revisione?

Antonino Badalucco (AB): “La Rev 5, che verrà pubblicata il prossimo anno, riporterà le conclusioni dei numerosi tavoli aperti con altre associazioni e aziende primarie in ambito dell’isolamento termico e acustico, pavimentazioni in legno e in resina. Infatti, uno degli effetti della Rev 4 è stato quella di attirare l’attenzione su CONPAVIPER di numerosi attori del settore dei pavimenti. La Rev 5 potrà essere influenzata da ciò che scaturirà dalla partecipazione di CONPAVIPER al Gruppo di Lavoro GL 23 del CT33 di UNI sui massetti che sta elaborando una nuova norma unitaria che ha lo scopo di riunire le specifiche sparpagliate in numerose norme e di proporre un nuovo metodo di affrontare la progettazione del Sistema Pavimento affidandolo ad uno specialista.”

 

Il pavimento va considerato nella sua totalità

Perché è importante il coinvolgimento di tutte le figure che operano sul sistema pavimento? (impresa, isolamento termoacustico, finiture, impiantistica etc)

(AB): "La Rev 4 del Codice, per la prima volta, propone la progettazione del Pavimento, cioè di tutti gli strati compresi tra il solaio e la pavimentazione, in quanto il dimensionamento del massetto dipende dalle loro caratteristiche. Questa funzione è stata affidata al Progettista del Sistema Pavimento che, tra i vari compiti dettagliatamente riportati nel Codice, ha quello di proporre soluzioni sostenibili tecnicamente ed economicamente discusse con committente, progettista, tecnico termo-acustico, impresa, idraulico e posatore della pavimentazione, del massetto e del sottofondo. Emerge quindi un ruolo non solo tecnico ma anche di coordinatore delle diverse figure che operano sul sistema pavimento. Questo perché ognuno di queste rimane determinante al soddisfacimento delle complesse caratteristiche che deve soddisfare il pavimento: stabilità dimensionale della pavimentazione, isolamento acustico, isolamento termico, requisiti termici della piastra radiante, passaggio e protezione dei servizi idraulici ed elettrici.” 

 

Collaborazione tra le sezioni resine e massetti di CONPAVIPER

Questa attività di CONPAVIPER porteranno a fare ulteriori prove sui massetti e apportare modifiche in tempi brevi alla normativa esistente?

(AB): "Sicuramente si, la sezione resine e la sezione massetti di CONPAVIPER si stanno organizzando per fare delle prove sia in cantiere che in laboratorio per approfondire le conoscenze su come la pavimentazione in resina influenzi la progettazione del pavimento e su come riconoscere in cantiere l’idoneità di un massetto ad essere resinato. Alla fine di questo ciclo di prove verrà redatto un documento condiviso che sarà il riferimento per le modifiche che verranno apportate alla Rev 5 del Codice e alle normative future.”

 

Collaborazione con l’università?

È vero che la sezione massetti si è rivolta ad una università per la Rev 5 del Codice?

(AB): "Al momento non c’è niente di definito e non vorrei sbilanciarmi più di tanto. Comunque posso dire che CONPAVIPER, col supporto una prestigiosa università italiana, vorrebbe sviluppare un semplice schema di calcolo per il dimensionamento di massima dei pavimenti e per la sensibilizzazione dei progettisti di come i parametri che caratterizzano i vari strati possano influenzare la resistenza ai carichi agenti sulla pavimentazione: elasticità degli strati sotto il massetto, resistenza e spessore del massetto. Spero di essere più preciso a breve.